Facebook

CARRELLO

{{item.name}}
{{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.
Sergio Rossa

Sergio Rossa

Sergio Rossa nasce a Milano nel 1952. Dopo gli studi linguistici, svolge l’attività lavorativa nel mondo dell’informatica e dell’organizzazione aziendale, terminando la sua carriera come funzionario nella sede italiana di un’importante banca francese. Nel 1989 avviene la svolta più importante della sua vita: adotta una bimba peruviana appena nata. Maristella, al poco tempo dal suo arrivo in Italia, è dichiarata gravemente disabile. Il grande amore per la figlia e la frequentazione degli ambienti dei “diversi”, lo spingono a scrivere un progetto per favorire i bambini più necessitati. Nel 1998 si trasferisce nella Selva peruviana dove, con la moglie, fonda una casa-famiglia. Purtroppo, dopo un solo mese dall’arrivo in Perù, Maristella muore. Nel 2000 è a Huancayo, città della media Sierra; là, in una zona urbano-marginale, crea un centro sociale che, in seguito, si trasforma in scuola gratuita. A sostegno del progetto apre un istituto di moda e lingue, e insegna italiano e francese a corsisti di maestria e dottorato in diverse università cittadine. Per le sue attività viene insignito della laurea di professore honoris causa dall’Università Nazionale del Centro del Perù. Nel 2010 dona la scuola gratuita alla UNCP e ritorna nella Selva dove, sempre con la moglie, apre una casa de cultura. Nel 2013 considera conclusa la sua esperienza in campo sociale e si trasferisce a Cusco dove svolge attività di volontariato presso una ONG che propone attenzione integrale a bambine lavoratrici o vittime di tratta di persona, occupandosi di attività turistiche di supporto al progetto e della sua inclinazione per la scrittura. Nel 2017 rientra definitivamente in Italia dove tutt’ora risiede. Ha redatto articoli giornalistici in castigliano per un quotidiano di Huancayo e per la rivista della facoltà di educazione della UNCP. La prima edizione del suo primo libro è uscita nel 2016 per i tipi di Genesis Publishing con il titolo: “Pachakuteq e il vecchio scrittore” che è pure stato tradotto in castigliano. Oltre a “La cronista irriverente” edito da Youcanprint, altri suoi titoli in attesa di edizione sono: “Temporali estivi”, “Memorie di Ankamarka” e “La malattia del canto”. È autore pure di un “Compendio di grammatica italiana per studenti di lingua castigliana” stampato a Huancayo.