Edipo, Amleto, Pinocchio e gli altri di Giuseppe Chitarrini
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Edipo, Amleto, Pinocchio e gli altri
  • Autore: Giuseppe Chitarrini
  • Data di uscita: 2015
  • Editore: Youcanprint
  • DRM: Assente
  • ISBN: 9788867514960
{DATI_FINE}
EBOOK
€1,99 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
{DESC} Un obbiettivo che l’autore si è prefissato con questo studio è stato quello di individuare e porre in evidenza alcuni aspetti educativi e formativi di tre grandi generi della narrativa letteraria e teatrale: la Tragedia, il genere Fiabesco-favolistico e il Romanzo. Un obbiettivo niente affatto nuovo e, almeno per alcuni aspetti, anche dato per scontato. I filosofi dell’antichità classica, in particolare Aristotele, avevano già ampiamente argomentato circa il carattere etico-normativo della Tragedia, così come gli studiosi delle tradizioni, del folclore, psicologi ed educatori hanno ripetutamente, e in diverse circostanze, sottolineato il significato e il nutrimento che la favola e la fiaba costituiscono per l’anima del bambino e non solo. Goethe, poi, agli albori della modernità, aveva dato vita a un particolare ambito del Romanzo: il cosiddetto Romanzo di Formazione (Bildungsroman), un genere particolare e specifico della letteratura e del romanzo, da porsi in relazione all’ascesa della classe egemone: la borghesia e alla diffusione-socializzazione dei suoi valori, per il perpetuarsi della sua stessa egemonia o dominio. Pur mancando di originalità l’obbiettivo della ricerca non è del tutto inutile o ripetitivo; sottolineare alcuni aspetti, alcuni tratti comuni e ricorrenti nelle tre forme espressivo letterarie, documentarne, per quanto possibile, la loro attualità, soprattutto riguardo -appunto- i contenuti formativi ed educativi che esse veicolano, non è parsa opera del tutto inutile o trascurabile anche sul piano di un possibile riscontro operativo-applicativo. Il filo conduttore che ha tenuto insieme una trama complessa, composta dagli aspetti formativi, pedagogici, etico-normativi ed estetici, è stato il discorso sul Mito (e le sue rappresentazioni sociali); l’illustrazione, anche se per sommi capi, del suo percorso errabondo, ha fatto da filo conduttore per questo excursus sui tre generi, tre forme espressive-narrative, e sul loro trasversale darsi mediatico e comunicativo: attraverso lo scritto, l’espressione orale, teatrale e coreutico-musicale, recentemente anche tecnologico-audiovisivo e polimediatico.
 
Questo libro ha ottenuto N. 0 recensioni dai nostri lettori

Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più