CARRELLO

  • {{item.qty}}x {{item.name}}
    {{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.
RICCARDO SETTI

RICCARDO SETTI

Sono nato a Modena nel 1962, tuttavia mi sento ancora “abbastanza” giovane. E' lo spirito che conta, in fondo, basta crederci.

Penso che uno degli ingredienti più importanti per vivere bene sia dato da una necessaria curiosità nei confronti della realtà. Senza di questa avrebbe forse la meglio un pericoloso disinteresse, un distacco che, vista la nostra condizione di esseri “culturali” oltre che naturali e sociali, non ci appartiene, anche se a volte possono solleticarci in direzione opposta gli avvenimenti, spesso orribili di cui veniamo a conoscenza, se stiamo informati su quello che ci accade intorno e nel mondo, nostro malgrado.

Il degrado sociale, l'indifferenza verso l'Altro, l'assuefazione ad eventi difficilmente immaginabili, la corruzione ad ogni livello, la violenza di ogni genere… Bisogna affrontare e combattere queste contingenze. Si vive una volta sola?, chissà.

Non essendoci comunque dato sapere su queste immense questioni, ritengo che sarebbe una cosa ingiusta, per non dire contro natura, rassegnarci a livelli di infelicità e di insoddisfazione quali elementi imprescindibili della nostra esistenza.

Preferisco vivere, nel miglior modo che mi torna possibile, con il giusto e necessario impegno, anche sociale. E dedicarmi a ciò che, essendo il mio mestiere, mi è comodo e piacevole fare ogni giorno: vedere persone, ascoltarle, dedicarmi a loro nell'ottica di relazione di aiuto e di cura.

Ma mi interesso anche di altre cose, la musica, la lettura, la scrittura, la fotografia, l'Amore per la vita, per la mia famiglia, intesa nel senso più allargato.

Anche andare in giro, vedere e incontrare persone, partecipare… questo rende le giornate soddisfacenti, anche se a volte si rientra a casa con qualche triste o amaro ricordo di un incontro con una situazione che non va proprio benissimo…

Questo sono in breve Io, svolgo la professione Psicologo-Psicoterapeuta e mi sento di dire che lo faccio con passione.

Dal 1989 ho operato presso Servizi in Convenzione con Enti Pubblici di Modena e Provincia nei settori disabilità, scolastico, psichiatria adulti, interculturalità, dipendenze patologiche.

Dal 2004 al 2014 ho operato in qualità di Psicologo (e Coordinatore) in convenzione con il Servizio Dipendenze Patologiche dell'ASL di Modena.

Svolgo attività di psicologo psicoterapeuta in regime di Libera Professione.

Mi occupo di sostegno alla persona, terapie individuali, di coppia, familiari, in particolare di disturbi relazionali, d'ansia, attacchi di panico, fobie, disturbi dell'umore, disturbi sessuali, del comportamento alimentare e dipendenze patologiche.

Ho frequentato ad un numero non ricordabile di eventi formativi, nell'ottica della formazione permanente, ho conosciuto Maestri e Professionisti che vorrei qui ricordare uno ad uno, ma questo mi richiederebbe troppo tempo e spazio. Li ringrazio tutti, anche senza citarli, il loro ricordo è dentro di me.

Due fra tutti:

Giuseppe Riefolo, Psichiatra-Psicanalista, per me presso alcuni Servizi in cui ho lavorato, supervisore pro tempore, da quel di Roma. Le sue originali “Visioni” nell'aiutarci a decifrare e comprendere casi clinici sono spesso state per me delle vere e proprie illuminazioni. Cito qui da un suo libro* la seguente frase:

La “visione” è la rielaborazione di un ricordo”

(Freud, 1899. Le virgolette sono mie);

Giovanni Greco, anche lui supervisore per il Dipartimento di Salute Mentale, da quel di Ravenna, per la sua acutezza e raffinatissima capacità di leggere i sistemi di cura, suggerendo originali modalità di lavoro e di riflessione ad operatori dei Servizi.

Sperando che tutti gli altri, non nominati, non possano aversene a male. Grazie anche Loro.


* Giuseppe Riefolo, Le visioni di uno psicanalista. Antigone Edizioni, 2009

I Bestseller dell'autore