Arriva Youcanprint Plus: le tue spedizioni Gratis in Italia, per sempre. Provalo Gratis per 15 giorni >
Cruci affigere di Sebastiano Seminara
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Cruci affigere
  • Autore: Sebastiano Seminara
  • Data di uscita:2020
  • Pagine: 40
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788831660860
{DATI_FINE}
CARTACEO
€10,00 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
Vuoi riceverlo entro Mercoledì 03 giugno? Ordinalo subito
{DESC} Considerata la non facile tematica che si è sviluppata durante la stesura di questa breve silloge di poesie, il cui tema principale è rappresentato dal coacervo religioso che ci accompagna lungo tutto l’itinerario della nostra vita, emerge una fragilità che a volte ci avvicina e a volte ci allontana da Dio. L’importante è che l’autore arricchisca di emozioni il lettore. Ciò che l’autore ha voluto esporre a conclusione della stesura di questa breve silloge di poesie, è stata dallo stesso dipanata nella qualità di estensore di questi esercizi, per una più facile compren-sione della poesia volta a chi è un distratto lettore. Vero è che la poesia è musica. Teoricamente è l’io che l’estrinseca.Bisogna, ovviamente, che l’autore soddisfi con la sua opera il lettore. La poesia rischia di annoiare, poiché l’autore è assente quando il fruitore annega nella lettura. La poesia è un’isola virtuale, giammai alcuno vi abiterebbe, neppure i poeti; neanche io. Allora non mi spiego perché si continui a scrivere poesia. Comincio a credere che il poeta sia solo e che la poesia tenda a isolarlo. È necessario, a questo punto, un rinnovamento nel modo di agire e di pensare scevro da possibili influenze religiose, che sono ormai logore, per il cui rinnovamento non vale più la pena di esercitare la reiterata rappresentazione di riti sfocianti in una sorta di automatismo e/o narcolessia della ragione.
 
Questo libro ha ottenuto N. 1 recensioni dai nostri lettori
Sebastiano Lo Iacono - marzo 25, 2020
Bella copertina. Il Cristo in croce di Dalì. Presentazione "oscura". Eraclito era detto "l'Oscuro". Poesie oscure. Poesie "apocalittiche". La poesia assente e la poesia virtuale. La poesia isola. L'uomo isola. Il poeta solo, che non è mai solo. La poesia che dà e che toglie. Anche l'autore toglie e nega, ciò che dà e afferma. Se la ragione dice e scrive, la ragione non nega e non è sonno e neppure "narcolessia". Anche la religione dà e non dà oppio e non è "sonno della ragione". Non è lontano Dio dall'uomo: è l'uomo lontano da Dio. "Siamo tutti lontani", scriveva Rainer Maria Rilke.

Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più