Arriva Youcanprint Plus: le tue spedizioni Gratis in Italia, per sempre. Provalo Gratis per 15 giorni >

Non-fiction per ragazzi

Bisogno di aiuto ?

esperto
Contattaci utilizzando la chat online in basso a destra o consulta le Domande più frequenti

Banner
Nella soffitta del tempo più caro di Michele Sarrica
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Nella soffitta del tempo più caro
  • Autore: Michele Sarrica
  • Data di uscita: 2020
  • Editore: Youcanprint
  • DRM: Assente
  • ISBN: 9788831676267
{DATI_FINE}
EBOOK
€2,49 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
{DESC} Tutti possediamo una soffitta particolare situata nel cuore dove, nella penombra di quel luogo misterioso, la memoria custodisce i nostri ricordi. A tutti fa piacere entrarvi in punta di piedi per rovistarla, per stanare e rivivere i momenti più piacevoli della nostra esistenza, quelli strapieni di affetti e volti indimenticabili, di canzoni rimaste ad echeggiare tra le nostre emozioni, di parole diventate sacre, punti cardinali, monumenti al passato e all’esistenza. In quella soffitta, però, vengono accatastati anche i ricordi meno piacevoli. Vengono conservate anche le parole che preferiremmo dimenticare, i lividi inferti dalla vita, i nomi delle persone che non avremmo voluto mai incontrare. Questa diversificazione non è consentita perché non abbiamo altro contenitore specifico per effettuare una saggia raccolta differenziata delle nostre emozioni e dei nostri sentimenti. Non possiamo con­servare in altro luogo o in altro hard disk della memoria i momenti più amarulenti che hanno turbato la nostra quotidianità. Nella soffitta del tempo più caro dobbiamo tenerli insieme ai ricordi più belli.
 
Questo libro ha ottenuto N. 5 recensioni dai nostri lettori
Salvo Carlucci - agosto 23, 2020

NELLA SOFFITTA DEL TEMPO PIÙ CARO
Poesie in lingua Italia di Michele Sarrica

Anzitutto voglio ringraziare l’Amico e Poeta Michele Sarrica del dono che mi ha fatto del suddetto libro. Ho preso qualche giorno in più per potergli scrivere due parole amichevole del contenuto di spessore che mi sono ritrovato a leggere. Mi sono rivisto in tante poesie. L’ho riletto più volte in vari momenti nel tempo e nei giorni, per gustarne le tante sfumature che in altre circostanze non avevo afferrato. Di già nel titolo: “NELLA SOFFITTA DEL TEMPO PIÙ CARO” ci si potrebbe sbizzarrire in tante metafore, come dire, in quella soffitta ho sognato, sorrido, pianto, ho fermato il tempo, ho rincorso illusioni , proprio “DEL TEMPO PIÙ CARO”. Cos’era in quel tempo la soffitta per Sarrica, non un nascondiglio, ma un isolarsi per riflettere e capire l’uomo.
Ha sofferto la lontananza della sua terra, ha inghiottito bocconi amari, come lo dimostra nella poesia: “I SICILIANI MUOIONO E RESUSCITANO OGNI GIORNO”, “Sono andato altrove / per compensare il niente / in cui agonizzava la nostra gioventù / I padroni avevano cancellato / il diritto di essere e di vivere / avevano rubato tutto / anche il futuro della nostra isola”. E ancora dalla poesia: “NON È Facile”. “Non è facile abbandonare il mondo dell’infanzia / lasciare la propria casa / il proprio paese / per un paese che nemmeno sai”. So cosa vuole dire Sarrica, essere soli, lontani, stringere il vuoto tra le braccia, fingere un sorriso per scacciare i pensieri che martellano il cuore, come lui ho vissuto Torino per poco tempo, non so perché ma non respiravo… Mi potrei soffermare su tante altre poesie di una profondità immensa ma non serve, mi basta soltanto che sappia che ho vissuto il suo libro in ogni verso, in ogni punto, compreso, gustato fino in fondo, e in certi momenti ho sofferto come lui che anche io ho avuto la mia soffitta dove ho sorriso, pianto, sofferto e cercato Dio.
Michele, era tanto tempo che non leggevo poesia!
Mi hai emozionato con la tua dedica: “Dalla mia soffitta al tuo cuore il passo è breve”. Grazie Michele te ne sono grato di tutto questo ringraziandoti del gesto e del pensiero nei miei riguardi.
Salvo Carlucci.

Trappeto 22/08/2020

Viviana Tavormina - agosto 23, 2020
Viviana Vivì Tavormina
Michele da tanto non leggo tue poesie e sarà una gioia farlo. Non so se sono più o meno castelbuonese di te ma so che il nostro Paese è magico

Enzo Di Garbo - luglio 31, 2020
Grazie Michele Sarrica per il tuo "Nella soffitta del tempo più caro".

Certo, se io fossi Castelbuono in carne ed ossa, dopo aver letto il tuo libretto, ti manderei delle rose rosse ogni mattino. Sarebbe il minimo che potessi fare per uno che mi ama così tanto, che legge nel mio cuore, nei miei sassi, nell'aria che mi circonda. Un amico innamorato e conoscitore della mia anima. Ti proporrei la "fuitìna" per accelerare le cose e l'indomani ritornare per non lasciarci più. Ma sono il tuo amico Enzo che da anni ed anni apprezza i tuoi versi e che oggi ti abbraccia per questo tuo delicato pensiero.

Tino Traina - luglio 30, 2020

Tino Traina
Ieri alle 18:57
Ho letto "Nella soffitta del tempo più caro", dono prezioso di Michele Sarrica, un poeta che conosco da molti anni, da sempre sognatore, contestatore, dalla personale concezione laico-religiosa, con quella capacità critica propria di chi la vita fa crescere troppo in fretta. Ma qui non c'è più soltanto Sarrica del quotidiano, quello che alimenta sogni, delusioni, speranze, rabbia e dolore, qui c'è Sarrica che ha trovato nella memoria non quella mera stanza di "rimazzito" dove si accumula e ammuffisce il tempo passato, non una memoria che stenta a dare la giusta luminosità a ciò che è stato, nel bene o nel male, non una memoria intesa come semplice somma di ricordi, ma una memoria come fucina capace di rielaborare nella componente emozionale il ricordo riportandolo a soggetto/oggetto vivo e pregnante tanto che tutto ciò che è rivissuto non è soltanto "il mio paese", ma, dal campanile alla più nascosta trazzera, diventa simbolo, emblema dell'immaginario di tutti, come d'altronde vuole la Poesia. Una concezione della memoria e una operazione sulla memoria a mio parere originali, che addirittura mette in secondo piano presente e futuro i cui giorni avranno nel rivissuto quella trasfigurazione che il vissuto non possiede mai. Il tutto in una felice forma metrica semplice nel lessico, scorrevole nei numerosi enjambement che le conferiscono un andamento prosastico, solo ogni tanto interrotto da qualche endecasillabo.

‎Platera Guglielmo Wilhelm - luglio 15, 2020
‎Michele Sarrica
NELLA SOFFITTA DEL TEMPO PIÙ CARO

Il titolo di questa silloge poetica di Michele Sarrica è emblematico e, in quanto tale, anticipa, lascia subito indovinare il tessuto delle poesie che la compongono, e cioè la memoria, che il nostro poeta paragona a una soffitta in cui sono custoditi i ricordi - quelli più piacevoli da cercare, da accarezzare e quelli meno piacevoli che non si possono annullare definitivamente - che hanno segnato le tre tappe del suo cammino evolutivo: infanzia, fanciullezza e adolescenza. Egli considera un “privilegio” l’impossibilità “di cancellare dal diario dell’esistenza i ricordi più dolorosi” perché così ci è data la facoltà di scegliere ciò che va assolutamente lasciato in soffitta e ciò che, invece, va “salvato”, tratto fuori dall’abbaino e trasformato magari in “racconto, canto, poesia”. Anche i momenti più tristi, che trovano la loro accoglienza nel linguaggio poetico e dell’arte in genere, continuano così a fare parte della nostra vita, sublimati e sotto una nuova luce.

Da queste considerazioni, espresse dall’Autore nella nota di apertura della silloge, prende l’input il “racconto” poetico di un’intera esistenza, che s’intreccia e scorre con la storia e la vita del suo paese, Castelbuono. Nulla è dimenticato o tralasciato di «quel tempo» rivissuto, cercato e ritrovato, non come in Proust attraverso la memoria involontaria, ma nella veglia e nella "volontà" della coscienza, che è, insieme, consapevolezza di avere “perduto” quell’età impareggiabile e desiderio di mantenerne vivo il ricordo. Pertanto, non ci sono epifanie o rivelazioni in questa raccolta, dove alle intermittenze del cuore è sostituita la continuità, la costanza del pensiero e dell’amore del Nostro per i luoghi, le cose, le persone che, al di là del fluire inarrestabile del tempo, sono rimasti custoditi nella “soffitta” e dai quali egli non si è mai separato. Sempre forte e costante è stato il richiamo della sua terra: il “paradiso”, il “luogo dell’anima” cui dedica qui versi memorabili che esprimono passione, devozione, stupore, contenuti dentro una patina di profonda nostalgia: sentimenti che toccano il cuore del lettore e lasciano avvertire il tremore, la commozione del Poeta, il quale dichiara il grande amore per la sua terra, dalla quale si sente ricambiato e per la quale verga, nel testo che conclude la raccolta, parole pregne di sacralità dettate dal vangelo del cuore:

“In questa terra ho fatto i primi passi / ho letto i primi versi / ho dato il primo bacio / Tra le sue zolle c’è la nostra storia / il nostro pane / il seme della nostra libertà / Per questa terra / ho dato in pegno al mondo / la vita di un bambino (…) il cuore di un bambino”

E al cuore del nostro poeta parla con “la voce di uno Stradivari” il Paese che “ha il cuore di un violino”. Esso accompagna il canto con l’album dei ricordi offrendo un paesaggio che respira in sintonia con l’anima del suo poeta, col quale condivide la nostalgia rendendola meno amara, più sopportabile.

“Tra foto di famiglia / e cartoline ricevute per Natale / mi sembra di vederlo mentre sfoglia / l’album del cuore / Come me / ha nostalgia di rughe e di sorrisi / rimasti / sul davanzale dei ricordi”

Nella personificazione del Paese traspare un’umanità varia che incarna lo spirito di una terra bagnata del sudore dei suoi figli, generosa, prodiga di affetti, paziente e gravida di sole, di attese e di umori; madre d’amore e di dolore che mostra le ferite dei campi abbandonati e le “rughe” di una vita operosa, scritta “nei solchi (…) sulla fronte” dei suoi vecchi, che il Nostro paragona agli “angeli più stanchi” ma soddisfatti del loro lavoro: la nota più alta che ha segnato la loro intera esistenza.
“Tra quelle rughe / c’è in vetrina il libro della storia…”. Esse sono metafora del tempo trascorso, che ha lasciato i solchi nella vita non solo del nostro poeta ma anche di tanti suoi compaesani. Tutto è passato su quel quadrante rugoso: gli affetti familiari, le feste in casa, le serenate, i sogni, i desideri, gli amori, le promesse, le delusioni, gli amici, gli studi, i compagni di scuola, le letture varie, gli eroi dei fumetti, i giochi, i primi versi, le vacanze, le scampagnate, la scoperta della natura, le sue voci, il lavoro, la miseria, le partenze …
Di questa materia, che è vita e memoria, si compone il fine poema del “Tempo più caro”, tessuto con i sentimenti più nobili che rispondono al richiamo dell’anima grande di Castelbuono, che è, insieme, la casa amatissima che ha dato i natali al Poeta e la dimora eterna dentro il suo cuore.


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più