Facebook

CARRELLO

{{item.name}}
{{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.
Maria Grazia Bonamassa

Maria Grazia Bonamassa

Sono Maria Grazia Filomena Bonamassa nata il 21 Agosto del 1964 in Basilicata a Pisticci provincia di Matera, paese delle famose abitazioni denominate lamie, dove ho vissuto per i mie primi sette anni di vita nella casa dei nonni materni insieme ai miei genitori, ed è li che è nata anche mia sorella minore Pieranna. Le mie origini sono umili, mio padre ha lavorato duramente come muratore costruendo tra le tante anche la nostra casa a Marconia frazione di Pisticci, dove successivamente ci siamo trasferiti. La mia mamma è casalinga, con grande attaccamento alla famiglia e alle tradizioni. Io ho frequentato l’asilo dalle suore invece le elementari e le medie alla scuola statale; successivamente mi sono diplomata nel 1983 all’Istituto Tecnico Agrario Statale di Marconia di Pisticci. Dal matrimonio avvenuto nel 1983 con il mio primo marito Vincenzo nell’anno seguente è nato mio figlio Daniele, dopo soli 5 anni vissuti insieme la famiglia cessa di esistere in quanto il padre di mio figlio muore per un collasso cardio circolatorio il 14 Agosto del 1988 sul bagnasciuga della spiaggia di Montegiordano in Calabria. Io di 23 anni di età e il bambino appena di 4, distrutti dal dolore siamo tornati a vivere dai miei genitori; dopo qualche anno ho iniziato a lavorare in banca a Potenza capoluogo delle mia Regione, considerata la distanza nel dovermi spostare quotidianamente per raggiungere il posto di lavoro ho deciso di insediarmi in un paesino alle porte di Potenza, Vaglio Basilicata. Dall'unione con il mio secondo marito Ivan, dopo 4 anni di matrimonio nel 1999 è nato Giorgio; matrimonio durato dieci anni per poi finire definitivamente nel Settembre del 2007 dopo l’avvenuta morte il 17 Luglio del 2005 per incidente stradale del mio primo figlio Daniele. Inizia così un altro periodo della mia vita con dolori e scelte alcune volte positive e altre dannose, infatti considerata l’immane tragedia, devo rinunciare al mio lavoro per poter stare vicino all’altro mio figlio . Dopo circa un anno dalla separazione conosco un altro uomo che di lì a poco diventa il mio terzo marito, Dario, disabile visivo al centro per cento ma persona tanto speciale. Io, Giorgio e Dario iniziamo un percorso insieme che ci disgrega, ci unisce ma che ci forma in quanto ognuno di noi ha un vissuto particolare da doversi in qualche modo lasciare alle spalle. Da circa tre anni ho ripreso a lavorare dapprima come impiegata presso l’URP del Palazzo della Giunta Regionale di Basilicata e successivamente presso il Consiglio Regionale della Basilicata con mansioni di Segretaria Organizzativa della Consigliera Regionale di Parità, vivo con la mia famiglia a Vaglio Basilicata nell’abitazione di proprietà nei pressi del bosco di Ciscarella e del sito archeologico di Serra di Vaglio Basilicata risalente all’ VIII secolo a.C. ritenuto di grande interesse storico e culturale.

I Bestseller dell'autore