Facebook

CARRELLO

Mancano {{remaingForFreeShipping|currency}} per ottenere le spese di spedizione Gratis

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.
La signora del pavone blu

La signora del pavone blu

di Maria Concetta Preta (Autore)

15 settembre 1977, un’afosa notte di fine estate. Mentre Berenice Cassini è sul terrazzo in preda all’insonnia, vede precipitare dal suo attico Jolanda Pascucci, meglio nota come “la signora del Pavone blu”, la boutique più chic di una torbida provincia del Sud cristallizzata nei suoi riti, assuefatta al malcostume, stretta dalle urgenze sociali. In questo mondo ovattato dove i misteri rimangono imprigionati, il commissario Giulio De Bartolis ed il suo vice Angelo Infante si aggireranno tra snobismi e ipocrisie nel fatuo mondo della moda, costellato da figure emblematiche che nascondono segreti inconfessabili. Una girandola di personaggi in una società allo sfacelo che tenta di celare la vuotezza di vite perse. Un’indagine serrata dove non mancano i colpi di scena, gli inganni, le tresche, l’amore...Un giallo psicologico e sociale dalle venature noir e rosa per la riscoperta di un’epoca indimenticabile.

Informazioni editoriali

Data di uscita
2016
Editore
Youcanprint
Pagine
124
ISBN
9788893322416

Recensioni clienti

5 su 5 stelle sulla base di 1 Recensioni
Da Maria Concetta Preta il 22 mar 2021
Ebook

Opera di lettura godibile, basata su un solido impianto narrativo che non appartiene al solo genere del giallo-noir ma che è qualcosa di più. Ha l’ambizione di non essere solo un giallo. D’altronde da quando G.Petronio ha sdoganato il genere dalla pretestuosa “inferiorità” e lo ha riabilitato rispetto alla letteratura alta, esso rientra tra i “canoni” del 900. Il libro presenta un “meccanismo ben oliato” con “coupe de theatre” finale che ribalta la prima soluzione data al caso. Offre una ricostruzione storica volutamente ricreata, non ha importanza il “dove” si svolga l’azione, se la cittadina di 40000 anime… sia rintracciabile sulla carta geografica, si tratta di un soffuso ambiente provinciale con i suoi riti e manie. Importante l’anno scelto, il 1977 che ci richiama al piombo versato nelle strade, alla situazione di precarietà che si respirava e al preludio del delitto di Moro. Echi dell’austerity del 1974. Appaiono diversi ceti sociali, come i parvenu: Jolanda è un’ “intrusa” non amata dall’”ambiente”(non amata è una litote per odiata) su di lei si agita il venticello della calunnia. Tutti o quasi tutti i personaggi contano non per ciò che sono ma per ciò che appaiono e ognuno rivendica il suo “posto al sole” nella società. Vizi privati e pubbliche virtù. Ne è esempio Marcello Salviati. Inserimento non casuale di canzoni che sorreggono i personaggi e ne commentano l’agire. Le canzoni sono un prodotto culturale, un bene di consumo che rispecchia le mode di quegli anni e servono a ricrearne il clima da amarcord. Un romanzo esistenziale, dunque, che presenta un relativismo etico nei personaggi che divengono, sono in fieri e si evolvono. Si strizza l’occhio ai ceti umili, forse più autentici.

PDF EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile
Youcanprint è la prima piattaforma Italiana di self-publishing

Youcanprint è la prima
piattaforma Italiana di self-publishing.

Youcanprint è da 5 anni consecutivi la prima piattaforma Italiana di self-publishing secondo l'Associazione Italiana Editori.

Dati AIE 2021 (Associazione Italiana Editori)