Facebook

CARRELLO

{{item.name}}
{{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.

Il sale nel budino

di Antonella Princivalle (Autore)

SINOSSI RACCONTI BREVI DAL TITOLO IL SALE NEL BUDINO DI ANTONELLA PRINCIVALLE. La raccolta contiene ventitrè racconti brevi che si svuluppano a partire da una breve descrizione sino ad un epilogo inaspettato, attraverso i quali si delineano solitudini, amarezze, lutti, nevrosi o altri sentimenti di personaggi che non esistono, ma potrebbero. I racconti possono essere ,sinteticamente , riassunti come segue: Blablacar – il fallimento di un moderno esperimento sociale di cui personaggi sono mossi da solitudine e motivazioni puramente economiche; Il pacco- la nevrosi di Lunetta, assistente di anziani che rifiuta la pratica diffusa del commercio online; Smettila di ridere- il sogno di una quotidianità mancata di una figlia cresciuta senza la mamma.; Preferirei la nebbia- i rimorsi e i rimpianti di Ugo , uomo distrutto dal suo non aver mai deciso nel corso della sua vita; La sciroccata- il dolore della perdita improvvisa di un figlio adolescente; La libreria – il piccolo mondo di una libreria di provincia, attraverso gli occhi di Paolo; Il sale nel budino- Elisa e l'apprezzamento delal inconsistenza ; No OGM- Fiorella , una passione civile che sconfina nella psicosi; Caffè corretto- un evento banale, ma inaspettato, mina la rettitudine della vita del pensionato Defrancisci; Week end- le nostalgie di un autentico fine settimana; I cadaveri parlano- parodia del successo della mediocre letteratura poliziesca; L'invito- una svolta inaspettata nella solitudine dell'insegnante Maria Grazia ;. Corrente alternata- Pino, l'elettricista sfigato, appassionato di poesia turca; Viaggiare-Guido e la passione per i viaggi di un non viaggiatore; La fortuna non esiste- il jackpot milionario di uno statistico razionale; Gli amici di Piero- l'amore inconfessato; Il coccodrillo- riscatto postumo di un giornalista mediocre; Almeno quattro o cinque stelle-italiani in viaggio all'estero; La cognata- l'affettività al tempo dei social; Quattro amici al bar – un rito che cede alle mode ; L'amore di una vita- dissacrazione di un amore ; Questione di credibilità- Inaffidabilità del mondo degli astri; Sul Freccia rossa- l'espediente sfrontato di un sessantenne annoiato.

Informazioni editoriali

  • Titolo Il sale nel budino
  • Autore Antonella Princivalle
  • Data di uscita 2021
  • Editore Youcanprint
  • Pagine 122
  • ISBN 9791220337335

Recensioni clienti

5 su 5 stelle sulla base di 2 Recensioni
Da Stefania Faedda il 06 lug 2021
Pubblicazione cartacea

Mi è piaciuto molto "Il sale nel budino" di Antonella Princivalle, l'ho letto senza cali di tensione facendomi prendere per mano da un racconto all'altro. Sempre accattivanti gli incipit e buon ritmo narrativo. Le erudite ambientazioni : aromi di caffè , tonalità di colori, geografie esotiche, poeti turchi e tanto altro danno sempre una robusta impronta e personalità alle storie. Due racconti rubano il cuore e sono quelli citati in controcopertina, "Smettila di ridere" e "La sciroccata". "Smettila di ridere" è una vera perla con la frase più bella, quella delle "parole pesanti". Suggestivo "La libreria" anche per le "emersioni" autobiografiche e il perenne dilemma di dover scegliere se essere ombrelli o locomotive.... Altre volte nel tratteggio dei personaggi invece c'è distacco e giudizio. I finali sono sempre intigranti, la palma la vince "Caffè corretto". Ogni tanto sono buttati qua e là intuizioni esistenziali assai interessanti, meriterebbero di essere scavate e ahimè sofferte... Ringrazio l'autrice per aver condiviso questo suo lavoro. Da lettrice spero di poter continuare a leggere le storie della Princivalle e assaporare ancora magie sospese tra ombrelli e locomotive.

Da Enrica il 15 lug 2021
Pubblicazione cartacea

Ho letto tutto di un fiato “Il sale nel budino” di Antonella Princivalle. I personaggi del libro non esistono (tranne la cognata) , eppure hai la sensazione di averli conosciuti o di poterli incontrare. Ad alcuni di loro mi sono affezionata, come Lunetta ne “Il pacco” o Pino, l’elettricista di “Corrente alternata”. I personaggi, le ambientazioni, i paesaggi mi hanno fatto sentire coinvolta nelle brevi storie. Il libro e’ stata una piacevole sorpresa, come del resto il finale di ogni racconto. La scrittura efficace della autrice ha contribuito al piacere della lettura

Cartaceo EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile