Facebook

CARRELLO

Mancano {{remaingForFreeShipping|currency}} per ottenere le spese di spedizione Gratis
{{item.name}}
{{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.

GRANDI - I cardini della fotografia secondo i fotografi dell'Agenzia Magnum - Analisi e confronto

di Alessandro Rizzitano (Autore)

Cos'è la fotografia, qual è il suo scopo, come va affrontata? Cosa sono il caso, la fortuna, il talento, l'ispirazione, l'ambiguità? Quanto sono importanti la composizione, la forma, il contenuto? Cosa sono e che ruolo possono avere gli errori e le imperfezioni? Cosa significa documentare, immortalare, narrare? Fotografare è programmazione, premeditazione o istinto? Guardare, osservare, vedere, sono la stessa cosa? Un'analisi trasversale che mette a confronto il pensiero dei fotografi della Magnum Photos, la più famosa agenzia fotografica del mondo. Ne viene fuori una formidabile sintesi, che si sviluppa su 54 voci, di come cento GRANDI fotografi concepiscono il fotogiornalismo, il reportage, la foto di strada.

Informazioni editoriali

  • Titolo GRANDI - I cardini della fotografia secondo i fotografi dell'Agenzia Magnum - Analisi e confronto
  • Autore Alessandro Rizzitano
  • Data di uscita 2021
  • Editore Youcanprint
  • Pagine 238
  • ISBN 9791220318976

Recensioni clienti

5 su 5 stelle sulla base di 2 Recensioni
Da FULVIO CARTA MOLINE' il 22 mar 2021
Pubblicazione cartacea

Qualsiasi siano le nostre passioni o le attività che ci rendono professionisti o amatori, è assolutamente necessario e anzi è fondamentale conoscere la storia, il pensiero ed il lascito di chi le ha affrontate prima di noi con successo e dedizione. Alessandro si è cimentato nell'impresa non semplice di riassumere e spiegare l'essenza di quella che anche io considero la Fotografia per eccellenza. E lo ha fatto nel modo più autorevole possibile, attraverso una raccolta ordinata e pragmatica (chi lo conosce sa che non poteva essere altrimenti) del pensiero, dei pensieri… a volte quasi dogmi, dei grandi maestri del fotogiornalismo, del reportage e della foto di strada. Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, George Rodger e David "Chim" Seymour… i fondatori della Magnum… e poi tutti gli altri che si sono susseguiti. Tutti accomunati da un pensiero comune, con le dovute eccezioni, espresso in modo differente e con le proprie sfaccettature, e per questo ancora più complesso da schematizzare senza cadere in una mera raccolta di aforismi. Il tutto insaporito (uso questo termine non a caso) dalle precisazioni di Alessandro volte a chiarire alcuni aspetti che possono risultare meno espliciti e fruibili ed a qualche utile ripetizione per consolidare i concetti chiave. Chiude questo lavoro una corposa appendice dedicata ai profili ufficiali dei fotografi menzionati, perché il nostro pensiero è anche e soprattutto la conseguenza della nostra storia, non può esserne separato, e le due cose si completano a vicenda. Un lavoro riuscito, un libro da leggere con calma e soprattutto da capire, con la macchina fotografica in una mano e un bicchiere di vino nell'altra, magari seduti in un caffè all'aperto (rigorosamente!) in attesa di diventare parte di quella strada che tanto amiamo.

Da Michele Vacchiano il 22 mar 2021
Pubblicazione cartacea

Un’interessante, fresca, vivace rassegna antologica declinata su un tema dominante: la fotografia vista dai fotografi, e precisamente da cento fotografi dell’agenzia Magnum. Con grande maestria Alessandro Rizzitano riesce a riunire in un contesto organico e metodologicamente unitario i contributi più disparati, offrendoci una serie di punti di vista chiaramente orientati, dato che l’agenzia e i suoi iscritti si occupano in modo quasi esclusivo di reportage. Ma anche il termine “reportage” può essere declinato in infinite varianti, tanto da diventare quasi un paradigma della fotografia nel suo complesso. Le loro dichiarazioni, i loro punti di vista, i loro scritti rappresentano un corpus che a prima vista può sembrare composto da interventi sparsi, separati, disorganici; ma che – considerato nella sua globalità – ci offre, alla fine della lettura, un panorama quanto mai vasto e completo di quello che la fotografia può esprimere e rappresentare. Una solida architettura edificata utilizzando stili, metodi costruttivi e materiali diversi, ma proprio per questo capace di aprire la mente dell’osservatore alla percezione di orizzonti finora sconosciuti. Come fotografo, ma soprattutto come semiologo, non posso non apprezzare un lavoro di questo genere, che dimostra – se mai ve ne fosse bisogno – come anche un’attività che alla maggioranza dei principianti può apparire basata su null’altro che un’abile manualità, unita alla “fortuna” di trovarsi nel posto giusto al momento giusto, si fondi in realtà su una “filosofia del vedere” che impronta e informa di sé non soltanto il lavoro, ma vorrei dire la vita stessa del fotografo.

Cartaceo EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile