Ferragosto continua: ISBN gratis fino alla mezzanotte del 20 Agosto. Approfittane per regalarti una nuova avventura!

Fiction

Bisogno di aiuto ?

esperto
Contattaci utilizzando la chat online in basso a destra o consulta le Domande più frequenti

Banner
Quelle inaspettate sensazioni di Giovanni Floccari
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Quelle inaspettate sensazioni
  • Autore: Giovanni Floccari
  • Data di uscita:2015
  • Pagine: N.D.
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788891149756
{DATI_FINE}
CARTACEO
€18,00 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
Vuoi riceverlo Venerdì 25 agosto? Ordina subito
{DESC} Quelle inaspettate sensazioni di Giovanni Floccari pubblicato il 2015
 
Questo libro ha ottenuto N. 3 recensioni dai nostri lettori
RAFFAELLA AQUILINA - marzo 14, 2017
Ieri sera dopo due settimane, ho finito il libro di Giovanni Floccari. Sarò diretta nel recensire questo romanzo che mi ha lasciato senza parole e piacevolmente sorpresa. Musicalità di scrittura e descrizioni dettagliate fanno di questo racconto una gradevole lettura ricca di descrizioni minuziose ma soprattutto, di personaggi dalla particolarità sconcertante. Personaggi che meriterebbero una vera propria analisi dettagliata e dai quali ricavare una vera e propria sceneggiatura per un’ opera cinematografica.L‘autore è stato molto abile nel dare loro carattere, tanto da farli vivere in maniera forte nelle righe stesse, scatenando nel lettore sentimenti di odio, amore e critica nei confronti del protagonista Matteo e di tutti i personaggi che gravitano intorno alla sua vicenda. La definizione che darei e che ritengo la più appropriata è : due libri contenuti in un unico volume. Ho trovato la prima parte molto più ostica da leggere e meno stimolante. Troppe scene di sesso e poco sentimento, poca emozione. Sicuramente coinvolgente, ma non da un punto di vista sentimentale. Non ho amato il personaggio maschile del quale però non farò descrizione per non sciupare la sorpresa della lettura che merito di essere intrapresa. Spenderò le parole migliori e più incisive verso l ‘ultima parte del romanzo che è quella, a parere mio, più bella e coinvolgente. Un finale che ribalta tutto quanto letto prima e che catapulta in una realtà ai limiti del giallo e del mistero. Sensazioni di paura, angoscia che tengono il lettore incollato al romanzo senza poter staccare gli occhi dall’avorio delle pagine. Le ultime righe le ho lette tutto d’un fiato e sono state sorprendenti davvero, mi hanno fatta sentire dentro quegli avvenimenti come se ne facessi realmente parte e mi hanno trasmesso davvero INASPETTATE SENSAZIONI. Concludo complimentandomi davvero con Giovanni Floccari per aver tramutato in una bellissima opera, un racconto che è pieno di dettagli sui luoghi, sulle immagini, e soprattutto, per aver creato personaggi che con le loro negatività e positività ne rendono accattivante la lettura.
Concesion Gioviale - marzo 03, 2017
Ieri ho finito di leggere questo libro. Me ne mancava poco meno della metà. Prima di addormentarmi ho pensato di leggerne qualche pagina e poi riprendere il giorno dopo. Alla fine, non sono riuscita a smettere e si è fatto molto tardi. Era molta la curiosità nel voler sapere come andasse a finire una storia piena di colpi di scena. Uno dietro l’altro.

Il libro si divide in due parti. Sembra quasi scritto da due persone diverse. Questo lo rende molto più interessante. La prima parte è semplice, una sorta di diario le cui pagine sono colme di pensieri realistici che ti fanno entrare completamente nella trama. Come se fossi tu a vivere la storia in prima persona. E’ introspettiva e a tratti lenta, ma mai noiosa.
La seconda parte, invece, è d’azione. Gli episodi si susseguono uno dopo l’altro, senza lasciarti respiro, fino alla “botta” finale che ti coglie impreparato.

Matteo, l’ho odiato. In prima battuta. Poi ho apprezzato il modo di descrivere questo personaggio: semplice, sincero, senza misure, senza scuse. Lui è uno che ama le donne. Basta. Mi piace perché non inventa giustificazioni e non dà la colpa alle donne che lo circondano. Non si lamenta mai di loro. Le tradisce, perché lui è un traditore. Non perché loro abbiano fatto qualcosa di sbagliato.
L’ho odiato abbastanza, ma l’autore descrive esattamente come sono certi uomini. Prendono dalle donne tutto ciò che possono, per provare piacere.
L’ho compatito, perché questo suo disturbo o questa sua ossessione sessuale, nasce da lo stesso approccio che ha avuto con il sesso sin da piccolo. E sono cose che si portano fino alla fine, purtroppo.
Mi piace come viene rappresentato il suo senso di smarrimento, arriva tutto. E nella lettura, calandomi in lui, sono riuscita a vedere certe cose dal punto di vista maschile. Molto interessante, direi.

Non ho apprezzato il modo in cui si descrive la compagna di Matteo: sembra un cagnolino che fa sempre quel che le si dice. Ma questo è un mio parere personale. Al posto suo io sarei impazzita. Mi sarei infuriata

Insomma, la sua reazione e poi il suo ritorno, mi hanno lasciata un po’ perplessa.

Troppo sesso. Sempre uguale. Mi sarei soffermata di più sugli stati d’animo di Matteo.
Però ci sono alcune parti piene di dolcezza che mi hanno fatto davvero emozionare.
E’ davvero una bella storia e mentre la leggevo immaginavo la scenografia di un bel film. Magari, un giorno, lo vedrò anche al cinema, visto che questa è un’altra mia passione.

mariagrazia perricone - ottobre 30, 2016
Quelle inaspettate sensazioni.

Un uomo alla ricerca di se stesso. Un uomo che passa attraverso esperienze che segnano la sua vita senza che lui faccia nulla per cambiarle. Un uomo che si trova invischiato in situazioni ambigue dalle quali vorrebbe uscire ma non ne ha né il coraggio né la volontà perché comunque queste situazioni lo coinvolgono talmente tanto da non lasciargli spazio vitale per dominarle, per cui le vive facendosi a volte sensi di colpa, a volte superando le sue barriere e lasciandosi coinvolgere dagli avvenimenti.
È un libro scritto veramente bene, con un linguaggio scorrevole e chiaro che rende facile la lettura. I personaggi sono ben caratterizzati e chi legge viene coinvolto emotivamente dai sentimenti e dai problemi che ogni personaggio vive e coi quali si deve confrontare.
In questo romanzo domina il sesso, presente per tutta la storia, con ampie descrizioni dettagliate che non lasciano nulla all’immaginazione. Giovanni Floccari usa il sesso come uno strumento non fine a se stesso, ma che fa parte integrante della narrazione.
Le sue avventure, i suoi tradimenti vengono da lui quasi subiti, nel senso che viene sempre coinvolto senza che lui riesca a decidere con chi e a chi deve dare il suo amore e chi sia più importante nella sua vita.
Una storia questa, con diversi risvolti psicologici, che sarebbe interessante analizzare scandagliando le reazioni e i comportamenti dei vari personaggi, ognuno con il suo dramma celato.
La fine, assolutamente non banale, risulta una logica conseguenza degli avvenimenti narrati.
In uno scenario decisamente attraente e selvaggio, si legge la parola fine.
mariagrazia perricone


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più