Fiction

Bisogno di aiuto ?

esperto
Contattaci utilizzando la chat online in basso a destra o consulta le Domande più frequenti

Banner
Pane e Lavoro di Antonio Bianco
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Pane e Lavoro
  • Autore: Antonio Bianco
  • Data di uscita:2017
  • Pagine: 40
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788892640412
{DATI_FINE}
CARTACEO
€7,00 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
Vuoi riceverlo entro Venerdì 06 novembre? Ordinalo subito
{DESC} Francesco è un bracciante, ma anche un attivista politico. Insieme ad altri suoi compaesani partecipa attivamente all’organizzazione della Marcia della fame del 1957. Le intenzioni dei manifestanti sono quelle di arrivare a Roma per far conoscere al governo nazionale le condizioni di miseria e di stenti in cui vivono le popolazioni del Fortore. Ma il tragico epilogo della marcia porterà Francesco a fare la scelta più difficile della sua vita.
 
Questo libro ha ottenuto N. 1 recensioni dai nostri lettori
Robertino Martelli - novembre 05, 2017
Dopo il pregevole studio storico "Il brigante Secola. La sanguinosa rivolta nel Fortore post-unitario" (Edizioni il Chiostro, 2011), questa volta l'autore Antonio Bianco, già giornalista a Paese Sera e attento studioso del territorio sannita, affronta un'altra pagina poco conosciuta della storia sociale del nostro Paese. E lo fa utilizzando la forma narrativa del racconto.

Siamo nell'aprile 1957. Braccianti e disoccupati sanniti della Valfortore, dei paesi di Baselice, San Bartolomeo, Castelvetere, Montefalcone e San Marco, insieme agli attivisti locali del Pci e del mondo sindacale, hanno intenzione di raggiungere Roma con una "Marcia della fame" per chiedere al governo nazionale “pane e lavoro” e far conoscere la condizione di miseria in cui versano quei territori, una miseria che "arrivava fin sopra i capelli”.
Unica alternativa a tanta povertà è emigrare per le miniere del Belgio o tentare la fortuna in Francia, Venezuela o Argentina.

Tra gli organizzatori della marcia, anche il giovane Francesco, attivista della locale sezione del PCI.
Ma i signorotti della zona e i proprietari terrieri che "vessano il popolo”, come spesso non ha avuto timore di denunciare anche il parroco don Nicola, spingono sulle forze dell'ordine affinché la marcia venga stroncata sul nascere e gli organizzatori arrestati. Così sarà.

Dalla sconfitta Francesco trarrà la conclusione che non resta altro che "andare il più lontano possibile", facendo una scelta dolorosa ma necessaria: lasciare i propri affetti, la moglie Rosaria e il silenzio della sua montagna, per imbarcarsi verso le Americhe sperando in un futuro diverso.


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più