Bisogno di aiuto ?

esperto
Contattaci utilizzando la chat online in basso a destra o consulta le Domande più frequenti

Banner
Saper leggere e scrivere non basta - Riflessioni di un'insegnante sulle buone maniere di Anna Maria Onelli
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Saper leggere e scrivere non basta - Riflessioni di un'insegnante sulle buone maniere
  • Autore: Anna Maria Onelli
  • Data di uscita:2020
  • Pagine: 106
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788831660006
{DATI_FINE}
CARTACEO
€18,00 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
Vuoi riceverlo entro Sabato 30 gennaio? Ordinalo subito
{DESC} Il testo è un vademecum, sulle buone maniere da adottare per banchettare a tavola con gli altri, per educare i figli alla socialità del ristorante, per accogliere gli ospiti con garbo. Nasce dalla considerazione che saper “leggere e scrivere” non migliora la vita, quando si trascura che una buona educazione e la cortesia sono indispensabili per vivere civilmente in società e migliorarla. L’educazione è un valore, e come tale, può contrastare l’aumento dei locali che si autoproclamano adult only e children-free, dove i bambini sono indesiderati, perché ineducati. Pertanto, con un linguaggio semplice ma diretto, con descrizioni a volte scarne ma incisive, senza tanti arzigogoli, porto l’attenzione sulla pratica delle buone maniere, sull’educazione e la cortesia che, soprattutto oggi, nell’era dell’omologazione, fanno di noi una persona con stile e non ci fanno smarrire l’arte della convivenza. Non un elenco di regole sterili, dunque, bensì un insieme d’indicazioni per trasmettere gentilezza, cura, disponibilità e rispetto verso sé stessi e verso gli altri.
 
Questo libro ha ottenuto N. 1 recensioni dai nostri lettori
sandra ianni - marzo 22, 2020
L’educazione è stata sempre la principale occupazione della dott.ssa Onelli, d’altronde il termine educare deriva dal latino e rimanda al significato di condurre, nel senso di far crescere. Ciò si traduce nella promozione dello sviluppo di facoltà intellettuali, estetiche e morali della persona. Ben sappiamo che l’educazione non è il semplice insegnamento, di sapore ottocentesco, che forgia e foggia, bensì il mezzo per tirar fuori dalla persona ciò che ha da sviluppare di autentico, di proprio. Educare è inoltre una parola implicitamente connotata in senso positivo: dire di una persona che è educata significa riconoscerle una buona educazione, una qualità.


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più