Facebook

CARRELLO

Mancano {{remaingForFreeShipping|currency}} per ottenere le spese di spedizione Gratis
{{item.name}}
{{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.

De profundis clamabo

di Federico Maderno (Autore)

Bologna, 1976: i ricordi spaventosi di un bambino. Roma, 1989: le esperienze di un militare di leva. Bologna 2003: un’esistenza alla quale dare una svolta. Tre momenti della vita di un giovane uomo, apparentemente scollegati. E invece, c'è una trama inquietante che li unisce, l'intreccio di antiche e nuove vicende delle quali, sembra, ben pochi hanno davvero la chiave di lettura. E poi, una donna dal fascino disarmante, un libro che si perde nella tradizione della Medicina bolognese, ricercatori e scienziati che giocano, è possibile, su due sponde, il mistero di una conoscenza antica custodita da vecchie e nuove necropoli. Una storia a prima vista indecifrabile, dove i protagonisti non sono, forse, quello che sembrano. Una situazione dalla quale bisognerebbe prendere le distanze, tanto pericolosa che qualcuno ci perde la vita. Ma c'è, sempre, quel dannato senso di responsabilità, e quegli occhi disperati che non si riescono ad ignorare. – Ha idea di come sono certe donne, Sir? – direbbe il Dottor Francesco Ligamonti, mettendo in evidenza i suoi denti equini. – Non si riesce proprio a negar loro niente. Non si "vuole" farlo. 540 pagine piene di colpi di scena."De profundis clamabo" ha vinto il premio della critica al "Golden books awards 2021" di Casavatore (NA)

Informazioni editoriali

  • Titolo De profundis clamabo
  • Autore Federico Maderno
  • Data di uscita 2019
  • Editore Youcanprint
  • Pagine 540
  • ISBN 9788831633734

Recensioni clienti

5 su 5 stelle sulla base di 1 Recensioni
Da Amelia Belloni Sonzogni il 22 mar 2021
Pubblicazione cartacea

La sinossi dice tutto: sintesi perfetta del libro, incuriosisce al punto giusto, aiutata dalle immagini di copertina, una rana, un frutto di melograno, appoggiati su una pietra, il disegno di uno spirografo, ti domandi immediatamente: perché? Quindi a soffermarsi sulla trama e sulla struttura del romanzo si rischierebbe solo di rovinare il piacere di una lettura trascinante. Importa piuttosto il susseguirsi di emozioni e coinvolgimento, rare nella narrativa contemporanea letta di recente. Importa segnalare, ma è solo un esempio tra tanti, l’abile costruzione del personaggio protagonista, che una giovane donna chiama scioccamente “Coso”. È il bambino che rincorso dalla Storia nell’incipit diventa un giovane, militare di leva, e poi un uomo incapace di negare aiuto a chi è in difficoltà. Prova a farsi argine, come gli hanno insegnato in caserma, mettendo a rischio esistenza ed incolumità, per smascherare e fermare qualcuno e qualcosa che hanno un unico, banale ma realistico, minimo comune denominatore. Più di 500 pagine, ma se un libro è ben scritto – per citare Jane Austen – è sempre troppo corto. Da non perdere.

Cartaceo EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile