Facebook

CARRELLO

Mancano {{remaingForFreeShipping|currency}} per ottenere le spese di spedizione Gratis
{{item.name}}
{{item.total|currency}}

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.

David Cronenberg. Poetica indagine divorante

di Stefano Falotico (Autore)

"David Cronenberg, il suo nome risona magmaticamente portentoso, raffinatamente austero d'immortale, incorniciante altezza nobiliare fra i pulsanti c(u)ori esul(tant)i di noi suoi prostrati, fervidi e invincibili amanti divora(n)ti, squittenti gioia passionalmente sanguigna, erti all'elevante eleganza gagliarda da immolati cinefili più eletti della sua eccelsa settima arte divinatoria e illuminante".

Informazioni editoriali

  • Titolo David Cronenberg. Poetica indagine divorante
  • Autore Stefano Falotico
  • Data di uscita 2014
  • Editore Youcanprint
  • Pagine 84
  • ISBN 9788891162922

Recensioni clienti

5 su 5 stelle sulla base di 3 Recensioni
Da daniela il 22 mar 2021
Pubblicazione cartacea

Amo questo scrittore perché sa sorprendere, scavare nell'animo in modo assolutamente unico e originale, ha il coraggio di essere se stesso in questa nostra società dove tutto tende ad essere patinato, omologato, lui non cerca di piacere, provoca, ironizza, sconsacra. Il suo linguaggio all'inizio mi ha lasciata interdetta, così come si rimane tali di fronte a qualcosa di totalmente sconosciuto e singolare.... tutte quelle parolone ricercate, disusate ... e invece scoprirle, districarle, lasciarsi andare alle immagini che creano è come svelare posti inviolati della mente, della coscienza, è scoprire me stessa fuori da tutti i luoghi comuni. Chi meglio di lui sa e può capire una mente fervida come Cronenberg? Definire saggio questo libro è volerlo recludere in una definizione limitante. Io sono rimasta incondizionatamente affascinata nel leggerlo della sua visione su David e la sua "Settima Arte divinatoria e illuminante", è talmente bello, appagante che si arriva alla fine senza accorgersene. E mentre fluisce la lettura, del libro (e dell'arte cinematografica di Cronenberg), al solito ci si imbatte in spunti di riflessione profondi, viscerali quanto immediati e veraci su noi stessi e sulla vita. Fluisce incensandolo, indagando da animo a lui affine perché, a parer mio, come David, il Falotico scrittore è troppo avanti per essere apprezzato, capito dalla massa, troppo atipico per adattarsi alla "mediocrità imperante, tarpante" limitante

Da francesco priore il 22 mar 2021
Pubblicazione cartacea

A differenza della testimonianza precedente non posso dire di "amare" questo scrittore [lo conosco troppo poco], ma a maggior ragione consiglio questo suo ottimo lavoro a tutti coloro che in una lettura non cercano una misera conferma delle proprie idee preconfezionate, o un qualcosa di semplice per far passare il tempo, o il classico libercolo da fan sul tale regista di turno in cui si sbrodolano elogi ovvi e si cerca di infiocchettare il banale con una retorica al di sopra delle proprie capacità... questo libro va bene per chi ama il linguaggio inteso come strumento dinamico, per chi vuole opinioni senza peli sulla lingua e, perché no, per confrontarsi (come nel mio caso) con un genere che solitamente snobbo a priori, ovvero la Poesia, il Lirismo e compagnia bella. In queste poche pagine ci immergiamo in un flusso (apparentemente) caotico di emozioni, sensazioni, impressioni, ragionamenti, il tutto nascosto dietro ad un uso del linguaggio che fa del pleonasmo volontario e dell'artificio retorico uno strumento per distruggere completamente la struttura canonica del linguaggio; può essere difficile districarsi (oserei azzardare "impossibile" per chi legge un libro ogni 10 anni, un linguaggio simile prevede una preparazione abbastanza elevata), ma (quasi) sempre ne vale la pena. I suoi scritti andrebbero recitati in un teatro, c'è il rischio che la musicalità ed il ritmo di certe frasi si annacquino per iscritto [dal vivo ciò sarebbe compensato dal tono, dalla postura, dall'enfasi...] a causa del processo logico necessario per poter comprendere appieno i due-tre significati che ogni volta può conferire ad ogni singola proposizione (a volte geniali, c'è da dirlo, altre volte però sembrano più un "vizietto" che potrebbe essere limitato ove inutile); si consiglia quindi sempre una seconda, una terza lettura, e vedrete come anche solo un accento possa cambiare completamente il peso di una frase. Insomma è difficile parlare di un'opera così insolita (soprattutto ai giorni nostri) senza poterne citare qualche passaggio: va letta, riletta, masticata e digerita [fermiamo qua la metafora digestiva, alla fine questa recensione è positiva e l'ultima "fase" l'avrei citata solo in caso contrario].

Cartaceo EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile