Arriva Youcanprint Plus: le tue spedizioni Gratis in Italia, per sempre. Provalo Gratis per 15 giorni >
L'Affare Ignobacca di John "doc" Seamans
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: L'Affare Ignobacca
  • Autore: John "doc" Seamans
  • Data di uscita: 2019
  • Editore: Youcanprint
  • DRM: Assente
  • ISBN: 9788831609906
{DATI_FINE}
EBOOK
€5,99 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
{DESC} I cittadini di ogni stato moderno si dibattono tra le difficoltà esistenziali giornaliere e l'afflato filosofico a spiegarsene il fine e la ragione … sperando di migliorare la qualità e il senso della loro vita. In questo romanzo fantastico che non cela elementi autobiografici incontriamo un medico "nel mezzo del cammin della sua vita" che, folgorato da un'intuizione settembrina, inventa una caramella dal gusto molto particolare, che cambierà il sapore della sua vita … e la vita stessa dei suoi contemporanei. Questa profonda opera allegorica, che ricorda le migliori aspirazioni del romanzo utopico, è stata anche considerata "Il primo romanzo di fantachimica". Le vicissitudini del Gimmarini devono essere lette da tutti i medici europei e da chiunque aspiri al cambiamento.
 
Questo libro ha ottenuto N. 1 recensioni dai nostri lettori
Annalisa Gaddo - aprile 19, 2020
L’AFFARE IGNOBACCA di John “doc” Seamans

Formulare un progetto apertamente ignobile, del tutto inaccettabile, addirittura repellente, ma farlo con garbo, determinazione e con una certa dose di faccia tosta, può portare al successo? Confrontandosi con un materiale ostico, come possono essere le feci, la scrittura procede lungo una scommessa folle: è possibile lanciare sul mercato il dolciume più disgustoso del mondo?
La questione ne sottende un’altra più spinosa e attuale: è meglio mangiar merda o farla mangiare agli altri? Forse però, con un passo in più si potrebbe ipotizzare una terza possibilità…
La narrazione segue un percorso ostinato ma leggero, come il gioco di un neonato che, in vena di esplorazioni, porta istintivamente le mani dal sederino sporco alla bocca.
Allo stesso modo questa storia, che sembra occuparsi di un argomento anale, apre pagine solari su orizzonti enogastronomici degni dei più fini palati, rivelando una competenza dell’autore in materia di gourmet e di vini, equiparabile a quella di grandi chef e sommelier. Tra convivialità e incontri inaspettati, nella corsa al successo si disegnano le relazioni tra i personaggi, corrette, solidali e collaborative, alleanze improvvisate lungo un bell’ intreccio di ruoli femminili e maschili.
La follia dell’autore si sovrappone a quella del protagonista, mostrando, tanto in questo libro quanto nelle caramelle improbabili di Gimmarini, che solo nell’abbandono del controllo può emergere l’oggetto in questione, lontano da ogni fantasia di padronanza. Ecco come uscire dal dualismo e trovare una terza via per una vita più consapevole e felice.
Il vero protagonista di questo romanzo è il gioco che si avventura in una storia di disgusto con eleganza e buongusto, senza mai cadere nella volgarità. La scrittura scorre veloce con ironia e umorismo, con i ritmi sincopati di un cartone animato.
La vicenda è ancorata ad un esame di realtà, ma in una nuova edizione l’opera potrebbe a mio parere avventurarsi più in alto dissolvendo il realismo che ancora la permea in metafore e similitudini vertiginose come richiede l’ostico argomento a cui si ispira.
Perciò a volte la lettura risulta respingente: è difficile trattare un tema simile senza cortocircuitare nel realismo. Nel leggere una storia simile si avverte l’esigenza di incontrare dei giri in più, il rischio è quello di provar disgusto verso un libro che in realtà non lo merita. La vicenda, confrontandosi con l’inferno di disvalori, volgarità e violenze che popola il nostro mondo, richiede un ricamo letterario più ambiguo sui contenuti, affinché la fantasia del lettore possa spaziare ancor di più. Un’allusione potrebbe essere più evocativa del tentare di dire la cosa, consentirebbe al lettore di fantasticare a suo piacimento i vertici più disgustosi.
Per questo le pagine del romanzo che trovo migliori non sono quelle che si cimentano nel racconto del tabù dell’escremento portato alla bocca e della sua escalation, ma le riflessioni del protagonista sul proprio percorso e sul quello dell’umanità, fino allo scherzo finale, in cui ammette che paradossalmente, dopo aver per anni speso le sue energie migliori nel durissimo lavoro del medico senza grossi risultati, ora aveva “raggiunto pace, gloria e ricchezza con una grandissima stronzata”. Chi è in realtà John “doc” Seamans: un medico, un letterato, un folle che liberamente circola nel territorio elvetico? Al lettore il compito di intendere in questo libro l’ equivoco e la critica sociale che lo percorre.
Annalisa Gaddo


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più