NOVITA': Abbiamo tagliato i costi di conversione ebook del 70% per sempre: 0.10 per epub normale, e 0.25 per layout fisso!

Bisogno di aiuto ?

esperto
Contattaci utilizzando la chat online in basso a destra o consulta le Domande più frequenti

Banner
A-Merica: il regno di Venere. di Bruna Rossi
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: A-Merica: il regno di Venere.
  • Autore: Bruna Rossi
  • Data di uscita: 2017
  • Editore: Youcanprint
  • DRM: Assente
  • ISBN: 9788892645486
{DATI_FINE}
EBOOK
€5,99 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
{DESC} Aby Warburg, noto storico e critico dell’arte del XIX secolo, preferiva definire la “Primavera” del Botticelli con il titolo: “Il Regno di Venere”, ed è con questo nome che mi piace pensare l’America: è così infatti che i primi esploratori dovevano considerare quella sorta di Paradiso Terrestre, dal clima mite e dalla natura esuberante e generosa! Ma Venere è anche un pianeta, tanto simile ad una stella, “Merica”, la più lucente del cielo: è lei che fin dall’antichità ha guidato i navigatori che solcavano l’oceano nei viaggi verso il Vespero? Perchè il continente “scoperto” da Cristoforo Colombo non porta il suo nome? Perché è stato chiamato “America”? Forse pensando a quella stella? O forse per rendere giustizia al suo vero scopritore? Ormai siamo tutti certi che l’America fosse stata raggiunta e frequentata fin dai tempi più antichi, ma se essa fosse stata nota anche agli umanisti del primo Rinascimento, con largo anticipo rispetto ai viaggi di Colombo? Se il Vecchio Cosimo de’ Medici non solo l’avesse conosciuta, ma addirittura visitata? E quali misteri si nascondono dietro i personaggi della famiglia Vespucci? Se l’Amerigo che ha dato il proprio nome al “Nuovo Mondo” non fosse quello che tutti conosciamo ma un suo omonimo antenato?
 
Questo libro ha ottenuto N. 1 recensioni dai nostri lettori
Bruna Rossi - marzo 06, 2017
Chi non si è mai incantato davanti alla visione della “Primavera” del Botticelli? Ma quanti hanno intuito che questo capolavoro potesse rappresentare soprattutto l’insuperabile cronaca di un viaggio in America? Il filo d’oro di cui esso pare intessuto si dipana e lega tra loro le più belle opere rinascimentali, richiamando un altro oro, quello proveniente da un Mondo Nuovo, dalla misteriosa terra delle Esperidi, da un’America non ancora ufficialmente scoperta…
America, la terra di Amerigo… Non l’Amerigo Vespucci che tutti conosciamo, ma uno meno famoso, il cui profilo però compare in tutti i ritratti: nonno Amerigo, legato alla cerchia di umanisti famosi cresciuti alla scuola di Boccaccio e Coluccio Salutati, come Leonardo Bruni, Roberto de’ Rossi, Niccolò Niccoli, Poggio Bracciolini, Jacopo Angeli…, i quali non si occupavano solo di letteratura e politica, ma amavano senza riserve gli studi legati all’astronomia e alla geografia, e ne ricercavano le tracce nei miti antichi e nelle opere dei classici… come i trattati di Platone e Tolomeo.
America, il continente misterioso che si poteva raggiungere, oltre l’Oceano, seguendo la luce di Venere, la stella Merica degli antichi Sumeri. La stella che molti secoli prima aveva guidato i sapienti d’Oriente, i Magi, verso un’altra epifania, un’altra manifestazione eccezionale, la nascita di Gesù, avrebbe condotto allora i sapienti d’Occidente alla silenziosa riscoperta di un continente che avrebbe cambiato comunque la storia dell’uomo…
E allora l’affascinante Venere che solca le onde del mare sostenuta da una conchiglia, la bella Simonetta Vespucci, rappresenta non solo una famiglia, o una Firenze nel momento del suo massimo splendore, ma soprattutto una luce preziosa, la più brillante del cielo. È anche, però, la traccia lasciata dalle navi che prendevano il largo da Porto Venere, patria di Simonetta, dopo aver aspettato presso la Baia delle Grazie il momento propizio, quando il vento Euro, primaverile figlio dell’Aurora, avrebbe sostenuto le loro vele…
Sarebbe poi toccato a Zephiro il compito di ricondurre Flora verso i più familiari lidi, coprendola con un sontuoso mantello per non far scoprire al mondo la verità.
Le ricchezze americane però facevano gola a molti e per ottenerle si poteva anche uccidere... Così tutte le tracce dell'impresa vennero accuratamente cancellate e i più importanti personaggi in essa coinvolti sparirono in circostanze quantomeno misteriose. Soltanto le opere dei grandi artisti rinascimentali ne nascondono tuttora il racconto, un tesoro immenso, il cui valore va oltre quello artistico, perché ci restituisce la conoscenza di una Storia che altrimenti non avremmo mai sospettato... Ecco così che la rappresentazione di Venere, sia nella raffigurazione mitologica che nella sua icona della stella a cinque punte, divenne il simbolo di un mondo nuovo e di una grande avventura che non doveva essere dimenticata!


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più