Ebook
€ 0,99
D’altra parte
 
  • Titolo: D’altra parte
  • Autore: Vera Coppa / Nino Laddomada
  • Data di uscita: 2014
  • Editore: Youcanprint
  • DRM: Assente
  • ISBN: 9788891162397
{DATI_ Da tempo con alcuni infermieri si parlava di raccogliere le storie delle esperienze del reparto. Raccontare una parte della nostra vita. Ricordi,
Fammi nascere
 
  • Titolo: Fammi nascere
  • Autore: AA. VV.
  • Data di uscita:2014
  • Pagine: 138
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788891147837
{DATI_ Fammi nascere di AA. VV. pubblicato il 2014
Libro
€ 11.50
Selena 1692 di Rosalba Vangelista
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Selena 1692
  • Autore: Rosalba Vangelista
  • Data di uscita:2016
  • Pagine: 44
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788892621992
{DATI_FINE}
CARTACEO
€7,00 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
Vuoi riceverlo Giovedì 01 giugno? Ordina subito
{DESC} Una vecchia e logora lettera viene ritrovata dietro un mattone in una decaduta prigione di campagna dopo 323 anni. Sono le memorie di Selena, condannata a morte ad Andover durante il periodo dei processi alle streghe di Salem nel 1692. Prima di morire ci lascia la sua testimonianza scritta su uno degli orrori e dei periodi più oscuri e crudeli della storia.
 
Questo libro ha ottenuto N. 1 recensioni dai nostri lettori
Tessaro Franco - maggio 03, 2017
Selena 1692.

Cosa dire di questo lavoro fatto con cura ed impegno da una scrittrice che apprezzo ormai da tempo. Rosalba Vangelista ha voluto evidenziare la persecuzione della donna, in un modo diverso da quel che fino ad oggi han scritto. Ha pubblicato la lettera trovata lo scorso anno in una prigione del Massachusetts, la testimonianza di Selena prima d’essere condannata a morte. Molto toccante la vivenza nel descrivere il momento, dove raccontandosi, parla delle compagne di cella, dove accusa l’inquisitore dell’omicidio del figlio di Dio. Dove la legge era la sua legge, in un’epoca comandata da uomini costretti ad indossare la veste porpora, solo perché al primogenito veniva data l’eredità della ricca famiglia. Ecco l’uomo, costretto a trascorrere la vita imprigionato in un titolo nobile, chiamato Cardinale o Vescovo, era pur sempre una condanna imposta. La caccia alla stregoneria era comunque un modo per dominare un popolo ignorante, fatto di superstizioni e paure. Quel che è capitato a Selena accade ancor oggi e non solo verso il femminino, ma contro coloro che fanno valere i propri diritti e pur non essendo condannati al rogo, si trovano alcune volte nelle condizione di suicidarsi. Ma oggi, così dico, non c’è più l’inquisitore. Non mi sento di condannare qualcuno per le proprie azioni, solo Dio penserà a questo, come pensa ai milioni di martiri del passato e del presente.
Bello lo sviluppo di questo piccolo racconto, bello com’è stato impostato, bella la cover, ma se Rosalba Vangelista mi permette, vorrei farle una domanda: come ha potuto Selena scrivere questa lettera rinchiusa in una stanza dove non c’era nulla? Alle streghe non veniva concesso nulla. Se questa lettera esiste realmente, allora dovrebbe essere divulgata in modo che Selena possa essere beatificata, ma se tutto è fonte dell’immaginazione, mi inchino alla tua fantasia. In qualsiasi caso complimenti per quel che hai fatto.
Ti do quattro stelle, solo perché avresti potuto rendere giustizia a Selena.


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più