Ebook
€ 1,12
D’altra parte
 
  • Titolo: D’altra parte
  • Autore: Vera Coppa / Nino Laddomada
  • Data di uscita: 2014
  • Editore: Youcanprint
  • DRM: Assente
  • ISBN: 9788891162397
{DATI_ Da tempo con alcuni infermieri si parlava di raccogliere le storie delle esperienze del reparto. Raccontare una parte della nostra vita. Ricordi,
Fammi nascere
 
  • Titolo: Fammi nascere
  • Autore: AA. VV.
  • Data di uscita:2014
  • Pagine: 138
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788891147837
{DATI_ Fammi nascere di AA. VV. pubblicato il 2014
Libro
€ 11.50
Ardit di Silvia Matricardi
 
Valuta questo libro:
Informazioni editoriali {DATI}
  • Titolo: Ardit
  • Autore: Silvia Matricardi
  • Data di uscita:2012
  • Pagine: 400
  • Copertina: morbida
  • Editore: Youcanprint
  • ISBN: 9788867519484
{DATI_FINE}
CARTACEO
€20,00 Aggiungi al carrello
Disponibilità immediata.
Vuoi riceverlo Sabato 06 maggio? Ordina subito
{DESC} Una nuova era ebbe inizio quando tutto ebbe una fine. I veggenti sono concordi: è ormai imminente lo scontro finale tra il feroce Maier.sil e gli ultimi superstiti della stirpe Danui. Dall'esito di questa battaglia epocale dipendono le sorti degli uomini, degli ultimi antichissimi dèi e delle loro discendenze... Arroccati nell'inespugnabile fortezza di Ardit, i Danui si preparano a resistere all'assedio e attendono il loro salvatore, l'Elekies del Giorno del Giudizio. E' rimasto solo un esile filo di speranza, che continua ad assottigliarsi, man mano che gli eserciti del Maier.sil crescono e avanzano. Per avere almeno una possibilità di sopravvivere e salvare l'umanità, i Danui dovranno riuscire a trovare il coraggio e la capacità di percorrere sentieri inesplorati e di affidarsi alla sapienza segreta dell'antico prigioniero, il misterioso dio dimenticato, l'Ultimo dei Primi.
 
Questo libro ha ottenuto N. 5 recensioni dai nostri lettori
Stefano Semprini - February 13, 2013
Un romanzo fantasy ben strutturato, convincente, ricco di colpi di scena.
Originale nel suo genere.

silvia matricardi - December 02, 2012
I suoi libri Fantasy sono bellissimi. Il suo linguaggio semplice e fantasioso è adatto a tutte le età, un pochino come il "Gabbiano Jonathan Livingston", ognuno può prendere ciò che gli serve.
Ardit è una storia che parla anche di energie e forze interiori che trasformano la fine del mondo nell'inizio di un nuovo mondo... il genio di Silvia è un regalo incredibile per tutti noi...

Associazione Forza Vitale, Ardea

silvia matricardi - December 01, 2012
------
POSTFAZIONE
------

Dalle ceneri rinascerà un fuoco


Non tutto quel ch’è oro brilla,
Nè gli erranti son perduti;
Il vecchio ch’è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L’ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quei ch’è senza corona.


Il Signore degli Anelli, John Ronald Reuel Tolkien

Da quando incontrai Silvia Matricardi per la prima volta, son passate ormai tre decadi. Lei era piccolina, aveva le lentiggini e dei capelli lunghi e biondi come l’oro e arrossiva quando la fissavo magari per qualche secondo in più del dovuto. Lei, sorella di un mio amico di infanzia, è stata sempre per molto tempo la sorella di qualcuno. Quasi che questa definizione le togliesse la possibilità di essere se stessa. Poi per un po’ di tempo ci siamo persi di vista. Prima per il fatto che mi ero trasferito a Roma e poi in Germania e in Austria. Ma come spesso accade con quelle persone particolari, non esito a definire Silvia speciale, anche se non le vedi per mesi, anni o ancor più a lungo, quando le incontri sembra che ci si sia salutati il giorno prima, dopo un buon caffè al bar. E con Silvia è proprio così, di lei sapevo che era una valida grafica. Infatti è a lei che ho affidato la stesura e la creazione della copertina dei miei due libri. Sapevo che amava leggere, amore che ci accomuna, e scrivere. Infatti ho sempre associato il suo nome a un mensile locale molto diffuso nel paesino in cui siamo cresciuti, Tor san Lorenzo. Scrivere, altra passione che ci accomuna. E’ una persona simpatica ed ha le mie stesse radici marchigiane; apparentemente non vi era altro ad accomunarci. Ebbene, come spesso accade nei rapporti interpersonali in generale, ed in quelli tra amici in particolare, a volte facciamo un errore di valutazione, o meglio di archiviazione, come lo chiamo io. Spesso creiamo un’etichetta e la applichiamo a quella persona, senza andare in profondità. Ecco allora che per anni abbiamo l’impressione di conoscerla, ma in realtà quello che sappiamo o crediamo di sapere è solo la famosa punta dell’iceberg! E con Silvia è andata così. Poi di colpo è successo qualcosa di nuovo e inaspettato: mi ha dato da leggere un suo breve racconto fantasy. E’ come se un velo si fosse squarciato. In questa sorta di Epifania, all’improvviso, con stupore e gioiosa sorpresa mi son ritrovato piano piano dinanzi a una persona diversa, con qualità inaspettate e sorprendenti. Non so bene se stimolata da me (mi piacerebbe crederlo!) o per via della passione e dell’amore che cullava in grembo già da tempo, Silvia mi ha poi fatto leggere una storia molto più lunga, lunghissima: un vero e proprio romanzo fantasy: Ardit. Così se il primo racconto mi aveva fatto già comprendere e balenare con la sua luce rara la capacità espressiva e creatrice di Silvia, Ardit mi ha dissipato anche il più piccolo dubbio. E anzi conoscendo la sua ammirazione per Tolkien, ho voluto usare proprio una citazione del grande maestro che lei idolatra. In primis per sottolinearne quasi la paternità, ma soprattutto per metterla non a confronto con il grande Bardo (ancora sarebbe prematuro). Ma più per darle il benvenuto a tutti gli effetti nel panorama italiano degli autori emergenti. Così come Eva si staccò da una costola di Adamo, Silvia con il suo perfetto e ingegnoso romanzo Ardit può dichiararsi una diretta discendente di Tolkien. Ardit però è molto più di una storia fantasy. Si tratta di un vero e proprio atto d’amore verso il filone iniziato da Tolkien con la sua sublime saga Il signore degli anelli. E non solo! Ardit rappresenta anche un atto d’amore per la vita e l’intelligenza degli uomini, la cultura, il rispetto della natura, la nostra vera madre e la bellezza del creato. E soprattutto è un omaggio ad Ardea, la terra in cui entrambi siamo nati. Una terra che, come tramandato nei miti, fu incendiata dall’assalitore Enea, ma seppe rinascere dalle sue ceneri e rinascerà ancora, dopo la devastazione di una gestione amministrativa miope e limitata. E da queste ceneri anche la luminosa stella di Ardit si alzerà alta nel cielo del panorama letterario italiano e farà bella figura in compagnia delle altre stelle. Ardit è scritto con un linguaggio piano ma poetico, la trama è avvincente e la storia fa intenerire il cuore. Un grande plauso cara Silvia! Che il tuo amore e la tua passione ti continuino a guidare e ti diano la forza per creare ancora altri capolavori come questo. Grazie.

Rodolfo Baldassarri
scrittore

silvia matricardi - December 01, 2012
------
PREFAZIONE
------




Un testo lungo e intrigante, con una narrazione ricca di fantasia e di elementi “immaginali”. Si tratta di una costruzione articolata, chiaramente fondata su immagini, ognuna delle quali corrispondente ad un “mitologema”: la lotta tra il bene e il male, il rapporto tra gli dèi e gli uomini, la ricerca della “elevazione” spirituale e della salvezza recuperando e riscoprendo ciò che in realtà, anche se inconsapevolmente, poiché
occultato, già si possiede.
In un’epoca come la nostra, figlia di quel razionalismo che domina quasi totalmente la nostra esistenza, il messaggio che si cerca di comunicare con Ardit corrisponde ad una visione diversa della vita, un tentativo da parte dell'autrice di “andare oltre”, cercando di dare risposte a “necessità” interiori profonde, per tornare a costruire, come facevano i nostri antenati, “un mito di fondazione e di origine”. In tal modo, i valori che già possediamo,
possono acquisire una nuova autorevolezza, una maggiore dignità e
profondità, con la speranza, inoltre, di poter raggiungere, e soprattutto
trasmettere ai lettori, una “altra” consapevolezza della vita.
E Silvia Matricardi persegue il suo scopo operando per archetipi,
esattamente come accadeva con i miti in un passato ormai per noi lontano, anche se ancora ben vivo e attuale. La sagesse oracolare della Grande Dea, simbolo della più antica spiritualità, lo scontro continuo tra umani e dèi, raccontato dall'autrice attraverso un magistrale metodo “simbolico-storico”, sono intrecciati abilmente a dati mitico-archeologici, il tutto basato su un “eterno” combattimento decisivo per il raggiungimento di un primordiale sistema pacifico.
Tutto viene espresso attraverso parole che pian piano realizzano, quasi dipingendole, forme esistenziali importanti. Ciò viene realizzato anche usando “strumenti” come l’analogia e le metafore: la ricerca di quella maggiore consapevolezza che ognuno di noi persegue, più o meno consapevolmente, per tutta la vita, la necessità di darsi risposte rasserenanti su quelle questioni esistenziali fondamentali e purtroppo prive di qualsiasi certezza, e che da millenni, sempre identiche a se stesse, solleticano e torturano l’uomo che si interroga e ricerca se stesso.
Siamo dinanzi ad un’opera che rappresenta in maniera “essenziale” l’antico concetto del mysterium tremendum et fascinans ovvero, di quel principio di vita che con la nascita, attraverso la crescita e la trasformazione, vuole concludersi con il ritorno alla “sorgente” di tutta la shakti, l’energia in movimento, che ci sostiene e ci (ri)-genera.
Silvia Matricardi rende la storia straordinariamente viva, grazie a personaggi accattivanti, con una vicenda che è contemporaneamente intrigante e molto piacevole. Una narrazione suggestiva, che seduce il lettore con una scrittura brillante, nonché con una vivida e accurata esposizione di ambienti e fatti.
Ardit è, inoltre, un omaggio alla terra di Ardea, così ricca di importanti presenze antiche, testimonianze ancora vive di una grande civiltà che si perde in un lontano passato e di cui il sito di Castrum Inui (importante insediamento sacro e portuale che per la sua ricchezza fu necessario fortificare), con il “suo” dimenticato dio Inuus, divinità solare e Fecondatore, rappresenta una delle più evidenti attestazioni. E la citazione di questo grande sito archeologico, attualmente salvaguardato e tutelato anche grazie all’operato dell'amica Silvia, rappresenta, da parte dell'autrice, un ulteriore atto di ossequio e di amore per la terra in cui è nata e in cui tuttora vive.




Francesco Di Mario
direttore degli scavi di Castrum Inui

silvia matricardi - December 01, 2012
La prima parola che mi è venuta in mente dopo aver terminato la lettura di Ardit è: GENIALE!
Un misto tra fantasy e fantascienza che tiene gli occhi del lettore inchiodati alle pagine del libro.
Tema principale è la lotta per la sopravvivenza dell'umanità dove bene e male si scontrano a colpi di magia. Ma, badate bene, non è la solita trama letta e riletta. I particolari riferimenti alla magia, ai luoghi, alla mitologia e, soprattutto, le storie dei vari personaggi tutte un pò tragiche e toccanti, fanno si che neanche per un secondo al lettore venga in mente di saltare qualche riga perchè, magari, si sta annoiando.
I riferimenti ai luoghi, alle avventure che portano alla battaglia finale e i particolari storici sono talmente dettagliati e incisivi che danno l'impressione non di star leggendo un racconto fantasy ma un capitolo di un testo di storia.
Fondamentali nel racconto sono:la lealtà, l'amicizia e l'appartenenza. Tutti sentimenti che emergono chiaramente nei vari personaggi.
E poi c'è l'amore... l'amore sopra e nonostante tutto; che governa le vite degli uomini e dei non-uomini; che fa desiderare un mondo migliore; che da la forza di sperare e ricominciare!
E poi si arriva al finale! Inaspettato riferimento alla terra tanto cara e amata dall'autrice, dove il passato s'intreccia con il futuro per ricollegarsi al nostro presente!
Una sola parola...GENIALE!
(Alessandra)


...Ardit...romanzo fantasy...per un divoratore di gialli e/o thrillers come me la tentazione di lasciarlo salvato in una qualunque cartella del pc per poi dimenticarsene era decisamente forte...
Per fortuna, la mia innata curiosità ha preso il sopravvento anche se mescolata ad un po' di scetticismo...fantasy...
...coinvolgente, scorrevole e, da amante dei gialli, preciso nelle descrizioni
senza eccedere...uno dei pochi romanzi fantasy che ho letto fino alla fine... Vale la pena ritagliarsi il tempo necessario per immergersi nel racconto, e forse rammaricarsi per essere già giunti al termine…
(Tito)


Ardit. Non si tratta «solo» di una storia di fantasia, sebbene l’immaginazione giochi un ruolo notevole nella trama.
Leggendo questo romanzo ci si ritrova improvvisamente immersi in un passato remoto, pur nella sua atemporalità, si respira l’aria pesante di un popolo di sopravvissuti e assiste alla loro trasmutazione in qualcosa di nuovo, per certi versi migliore. E’ un inno alla vita e alla capacità di adattamento, a trovare e coltivare la speranza pur nelle peggiori avversità, ad usare ogni risorsa disponibile come opportunità di crescita e rinascita. La capacità espressiva è poderosa ed efficace, nonostante il linguaggio semplice e perfino eccessivamente sintetico, a tratti... eppure anche questo è parte della storia, come un potente respiro che si dilunga e distende nei momenti di tranquillità, poi si contrae e si concentra nelle fasi concitate, fino a giungere alla ricerca della massima espressività nel minimo della descrizione.
C’è la fantasia e l’atmosfera magica, ma c’è anche la guerra, in tutta la sua crudezza, la violenza, nella sua accezione più truce e disumanizzante e c’è l’amore. Il sentimento che emerge e brilla nonostante tutto. E’ visto non solo come ciò che ci rende davvero umani, come fonte di forza e non di debolezza, ma addirittura viene sublimato e posto come somma cura, in grado di guarire da ogni male sia chi lo riceve che chi lo dona. La storia degli ultimi giorni di vita di un popolo antichissimo ed enigmatico, arroccato in una fortezza dall’imponenza impressionante, si fonde e si intreccia con le singole vicende di uomini e super-uomini, mentre sveliamo lentamente il mistero delle origini e dell’identità di questa sorta di divinità perseguitate. C’è anche la fantascienza, dapprima sottintesa, poi sempre più palese ed evidente. C’è la sorpresa, il colpo di scena finale che cambia la prospettiva di lettura dell’intera storia, proiettandoci improvvisamente in un lontano futuro che diviene presente.
L’epilogo ti stende. Muta la prospettiva dell’intero romanzo, quasi vien voglia di rileggerlo dal principio, soprattutto le strane tavole, per comprenderlo davvero in tutte le sue sfumature.


Scrivi una recensione
Si deve essere connessi al sito per poter inserire una recensione. Registratevi se non avete ancora un account.

busy
 

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più